Corso per Maestri collaboratori

Corso di Pianoforte (indirizzo Maestri collaboratori)
Accademia Musicale Europea, Erba (CO)
novembre-giugno 2019-2020
M° Margherita Colombo

CHE COS’È?

Si tratta di un corso destinato agli allievi di Pianoforte che desiderano approfondire la propria competenza nell’ambito dell’accompagnamento strumentale e vocale. Sono previsti diversi livelli a seconda del grado di preparazione tecnica dell’allievo:
– Corso Base
– Corsi di Specializzazione di I e II livello
– Corso annuale di perfezionamento (8 incontri mensili)

L’accompagnamento pianistico è una pratica entusiasmante e impegnativa che richiede elevate competenze pianistiche, conoscenza del repertorio e degli strumenti che si vanno ad accompagnare, competenze in campo vocale in caso di accompagnamento di cantanti, ottime doti di lettura a prima vista e una grande sensibilità musicale. Un buon accompagnamento è in grado di elevare qualitativamente la performance del solista, quindi è oltre che un fondamentale supporto artistico, un importantissimo tassello dell’interpretazione musicale complessiva.

CORSO BASE

Il corso è strutturato come un normale corso di pianoforte che mira a una formazione più completa e variegata dello studente in un’ottica professionalizzante con l’aggiunta di ore di laboratorio operistico, pratica guidata di accompagnamento nelle classi di strumento e canto e materie complementari essenziali alla maturazione artistica di un pianista accompagnatore (lettura a prima vista, lettura della partitura, tecniche di direzione e concertazione).

– Tecnica e repertorio pianistico adeguati alla preparazione pianistica dell’allievo
– Lettura a prima vista
– Fondamenti di lettura della partitura
– Pratica dell’accompagnamento strumentale

1 lezione settimanale di pianoforte (individuale)
1 lezione settimanale (individuale o collettiva) di materie complementari (lettura a prima vista, lettura della partitura)
2 lezioni mensili di pratica dell’accompagnamento (individuale o in collaborazione con le classi di strumento)

Costo: €150,00/mese  – lezioni: mercoledì

CORSO di specializzazione

Il corso è strutturato come un normale corso di pianoforte che mira a una formazione più completa e variegata dello studente in un’ottica professionalizzante con l’aggiunta di ore di laboratorio operistico, pratica guidata di accompagnamento nelle classi di strumento e canto e materie complementari essenziali alla maturazione artistica di un pianista accompagnatore (lettura a prima vista, lettura della partitura, tecniche di direzione e concertazione).

LIVELLO I – Specializzazione

– Tecnica e repertorio pianistico adeguati alla preparazione pianistica dell’allievo
– Lettura a prima vista
– Lettura della partitura
– Fondamenti di concertazione
– Pratica dell’accompagnamento strumentale
– Introduzione al repertorio operistico

1 lezione settimanale di pianoforte (individuale)
1 lezione settimanale (individuale o collettiva) di materie complementari (lettura a prima vista, lettura della partitura)
2 lezioni mensili di storia del repertorio (collettiva)
2 lezioni mensili di pratica dell’accompagnamento o laboratorio operistico

Costo: €250,00/mese – lezioni: sabato

LIVELLO II – Specializzazione

– Tecnica e repertorio pianistico adeguati alla preparazione pianistica dell’allievo
– Lettura a prima vista
– Lettura della partitura
– Tecniche di direzione
– Pratica dell’accompagnamento strumentale
– Pratica e repertorio operistico

1 lezione settimanale di pianoforte (individuale)
1 lezione settimanale (individuale) di materie complementari (lettura a prima vista, lettura della partitura)
2 lezioni mensili di tecniche di direzione (collettiva)
2 lezioni mensili di laboratorio operistico

Costo: €280,00/mese – lezioni: sabato

CORSO DI PERFEZIONAMENTO

Destinato ai pianisti già in possesso di competenze pianistiche elevate (diploma di pianoforte o triennio/biennio), si tratta di un pacchetto di otto incontri da due ore ciascuno a cadenza mensile (novembre-giugno) o personalizzata in base alle esigenze dell’allievo, compatibilmente con la disponibilità della docente e dell’Accademia. Il programma, interamente personalizzabile, viene concordato all’inizio del corso e può consistere in:
– preparazione di opere complete o parti di esse a scelta
– studio e preparazione di repertorio da audizione
– studio del repertorio basilare del maestro collaboratore

1 incontro mensile individuale (2 ore)

Costo: in via di definizione – lezioni: sabato

Info ed iscrizioniaccademiadimusica@libero.it – tel.: 031.626519
http://www.accademiadimusica.org/2019/10/12/10775/

L’arte dell’accompagnamento

Di teatro e di insegnamento: chiacchiere sparse

Sempre più pianisti scelgono la strada del maestro collaboratore o pianista accompagnatore, che dir si voglia. Le ragioni dietro a questa scelta sono molteplici e sicuramente riflettono un momento storico che stiamo attraversando: fare della musica la propria professione è un atto coraggioso, controcorrente e che richiede una buona dose di tenacia e adattamento. Sono purtroppo lontani i tempi in cui l’artista era acclamato, ricercato, studiato dal pubblico e dai critici: “fare il pianista” oggi può avere una miriade di sfaccettature che sono diventate parte della professione. Un pianista studia, ricerca, insegna, accompagna, improvvisa, fa crossover, classica, jazz, leggera, opera. I tempi sono cambiati e ritengo che sia ora di vedere questo mutamento come un arricchimento, non come una perdita.

Anche la professione del maestro collaboratore è cambiata. Una volta l’unico modo per apprendere il mestiere era, similmente al lavoro di un artigiano, “andare a bottega”: ovvero cercare di bazzicare i teatri non solo per ascoltare e ammirare un’opera, ma anche e soprattutto passando dalla porta sul retro e studiare l’ambiente delle prove, osservare i cantanti, carpire i segreti della direzione dai grandi maestri, per i più meritevoli accostarsi a un maestro collaboratore di sala o a un maestro sostituto e, nel migliore dei casi, sostituirlo in caso di necessità fino a raggiungere lo status di maestro collaboratore. L’opera la si imparava forse nel modo più bello, annusando l’odore delle assi di legno del palcoscenico, aiutando il capomacchinista a chiudere il sipario, annotandosi mentalmente i fiati e i tempi dei grandi cantanti e direttori e sognando da vicino i grandi duetti d’amore di Puccini o Donizetti.

Vista la crescente richiesta di “manodopera qualificata”, oggi molti conservatori dedicano maggiore spazio alla figura del maestro collaboratore, ritagliando corsi appositamente studiati per formare figure preparate ad affrontare il mondo del teatro d’opera. Purtroppo però non sempre i docenti provengono da quel mondo verso il quale vorrebbero proiettare i propri allievi: ne conseguono disinformazione, mancanza di accuratezza nella preparazione e – talvolta – studi di livello non adeguato.

Permane infatti a volte un fraintendimento colossale (quante volte ho sentito questi discorsi nei corridoi dei conservatori…): ovvero che la professione del pianista accompagnatore sia una sorta di ripiego, un piano B e un po’ sfigato rispetto al pianista “che ce l’ha fatta”, frequentatore di concorsi internazionali e sbaragliatore di sale da concerto.
Quella convinzione che “se so suonare un concerto di Beethoven, cosa vuoi che sia accompagnare un’aria di Verdi”.
Niente di più sbagliato!
E infatti, pletore di eccellenti pianisti crollano miseramente alla prima prova di accompagnamento o di esecuzione al pianoforte sotto direzione. A nulla servono gli anni passati a macinare Mazeppe e Appassionate nell’istante in cui il pianista deve sollevare gli occhi dalla tastiera e seguire il primo levare di un direttore in prova di sala. Le mani diventano due inutili blocchetti gelati, il respiro si mozza, gli occhi sembrano appannarsi e “nella testa ho un campanello che suonando fa din din”. Il direttore inizia a guardare il pianista in cagnesco, i cantanti sbuffano anche se in realtà sono felicissimi di aver trovato un eccellente capro espiatorio da mortificare e da usare come sacco da boxe per giustificare i propri errori. Sembra un racconto comico, ma vi assicuro che i pianisti che vivono questa esperienza sono la grande maggioranza di coloro che affrontano per la prima volta l’esperienza della tastiera in buca. A questo punto le opzioni sono due. Alla frustrazione iniziale subentra la voglia di rivalsa, la consapevolezza delle proprie qualità musicali e tecniche e ci si rimbocca le maniche, lavorando sodo per pareggiare (o almeno avvicinare) la propria competenza in ambito solistico a quella teatrale. Oppure la frustrazione si trasforma in disagio, paura, senso di inadeguatezza. E proprio questo tunnel di ansia e frustrazione che ho visto in diversi giovani e promettenti pianisti mi ha convinta a proporre dei corsi destinati a chi vuole intraprendere la professione di maestro collaboratore. Perché è vero che la migliore scuola rimane il teatro, ma sono anche convinta che alcuni aspetti della professione si possono e si DEVONO imparare.

Con mia grande sorpresa e un certo fastidio, mi sono accorta che molti maestri collaboratori sono gelosi dei propri “trucchi”, della propria posizione e conoscenze. E’ vero che la strada per tutti è tortuosa e difficile, e che chi ha sudato per guadagnarsi uno status non dovrebbe lottare con i denti per conservarlo. Ma sinceramente sono convinta che ci dovrebbe essere più rete tra chi lavora nell’ambiente teatrale e chi vorrebbe farlo, anche solo per estendere l’insegnamento della professione al di fuori delle mura dei teatri. Ritengo che si debba e si possa condividere la propria esperienza professionale, successi e insuccessi, scelte giuste e sbagliate, per poter guidare uno studente in un mondo così affascinante come quello del teatro. Aiutarsi e avere l’umiltà di continuare ad imparare dal teatro, dall’opera e dai propri studenti e collaboratori: perché penso che quel mondo in cui il “maestro” è un tuttologo e il direttore un depositario di saggezza indiscutibile a cui tutti debbano portare silenzioso e ossequioso consenso, sia fortunatamente finito.

[Margherita Colombo]

Workshop per maestri collaboratori, cantanti e direttori

La Boheme di Giacomo Puccini

M° Margherita Colombo
direttrice d’orchestra, pianista e compositrice

14-16 giugno, Trezzo sull’Adda (MI)

Il workshop operistico è rivolto a 3 categorie del teatro d’opera: studenti di canto lirico, studenti di direzione d’orchestra e allievi di pianoforte ad indirizzo maestro collaboratore.
Direzione d’orchestra: il corso offre la possibilità di studiare una grande opera di repertorio insieme a maestri collaboratori e cantanti, rivolgendo particolare attenzione alle tradizioni esecutive e alla cura del gesto.
Pianoforte (Maestro collaboratore): il corso affronterà lo studio dell’opera toccando le molteplici competenze richieste al maestro collaboratore durante la preparazione di un’opera: suonare, cantare, dirigere e coordinare. Verrà offerta l’opportunità di affinare la pratica di suonare sotto direzione con particolare attenzione all’aspetto più “orchestrale” del suono.
Canto: i solisti coinvolti avranno la possibilità di studiare il ruolo prescelto insieme a direttori e maestri collaboratori apprendendo le principali tradizioni esecutive dell’opera.

Il workshop è dedicato alla Bohème di Giacomo Puccini.
Nello specifico, gli allievi potranno preparare l’intera opera o brani a scelta tra quelli indicati in questa pagina.
Scopo del laboratorio è affrontare la preparazione di un’opera a partire dallo studio primario del ruolo da parte del cantante insieme a direttore e pianista.

Sessioni mattutine: 3 ore dedicate a pianisti e direttori per lo studio della partitura, la preparazione tecnica e musicale di essa. Le lezioni sono aperte ai cantanti qualora lo desiderassero. 
Sessioni pomeridiane: 3 ore dedicate a cantanti, pianisti e direttori. Il focus è improntato sui ruoli vocali, le peculiarità interpretative e stilistiche.
Totale ore direttori e pianisti collaboratori: 18 ore di corso + concerto
Totale ore cantanti: 9 ore di corso + concerto

Quote di iscrizione:
Direttori e Pianisti collaboratori € 170
Cantanti € 120
QUOTA ISCRIZIONE FESTIVAL: € 30 (per i soci di é Musica Nuova € 20)

PER ULTERIORI INFORMAZIONI : http://www.e-musicanuova.com/festival-oho-che-bel-castello/musica-operistica.html

ISCRIVITI QUI

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.


Dietro le quinte

Chi è l’ideatrice di Pianisti all’Opera

Margherita Colombo è direttrice d’orchestra, pianista, vocal coach e compositrice.

Si è diplomata in Direzione d’orchestra sotto la guida del M° Daniele Agiman presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano nel 2010 concludendo un brillante e variegato percorso di studi che comprende il Diploma in Pianoforte (M° Mario Boselli), il Biennio per Maestri collaboratori (M° Umberto Finazzi), il Diploma in Composizione (M° Fulvio Delli Pizzi), il corso triennale di Alto Perfezionamento pianistico dell’Accademia Musicale Pescarese (M° Paolo Bordoni), numerose Masterclasses in Italia e all’estero tenute da rinomati Maestri (Aldo Ciccolini, Joaquin Achucarro, Sergio Perticaroli, Jeffrey Swan). 

E’ attiva come direttrice d’orchestra presso diversi teatri in Europa; ha diretto la Gewandhausorchester di Lipsia, la Niederbayerische Philharmonie di Passau, la Loh-Orchester Sondershausen, l’Orchestra Nazionale dell’Opera di Tirana, l’Orchestra del Festival Puccini, l’Orchestra di Ticino Musica, l’Orchestra Rossini di Pesaro, i Musici di Parma e numerose altre orchestre e ensembles in Italia, Germania, Svizzera e Albania.
Ha inoltre lavorato in numerosi teatri come maestro collaboratore e maestro sostituto (tra gli altri si ricordano l’Opera di Lipsia, il Teatro di Nordhausen, Ticino Musica, il Teatro Donizetti di Bergamo, il Teatro Sao Carlos di Lisbona, i Teatri di Campobasso e Potenza, il Festival lirico di Casamari e Aslico). Ha inoltre ricoperto per tre stagioni il ruolo di 1. Kapellmeister (direttore d’orchestra stabile) del Landestheater Niederbayern in Baviera dal 2016 al 2019.

Tiene regolarmente corsi e masterclass per pianisti e direttori con particolare riguardo per l’opera e per la professione di maestro collaboratore, incoraggiando i giovani pianisti ad avvicinarsi al repertorio operistico con attenzione verso lo studio della partitura e del suono “orchestrale” anche al pianoforte. Tra le sue collaborazioni didattiche si annoverano il Salso Summer Class&Festival (PR), Umbria Classica Summer, Vacanze Musicali, l’Accademia Europea di Musica di Erba (CO)  e l’Università E-Campus.

Sul fronte compositivo, Margherita Colombo ha realizzato brani per voci ed ensemble (“Fiore lunare”, “Fanciulle che hanno pianto da poco”), musica da camera e sinfonica (“Possession”, “Quattro stagioni”, “Shahrazad”), coro (“Domina”, “Piccole liriche di mezza estate”, “Haiku”), pianoforte (una precedente versione di “Shahrazad”) e chitarra (“Studietti” e “Chimera”); si dedica inoltre con passione alla realizzazione di arrangiamenti e adattamenti di opere del grande repertorio per pubblico ed esecutori giovanissimi (tra i progetti più recenti si ricordano le sue rielaborazioni per orchestra giovanile ispirate a “Il flauto magico” e “West side story” per Vacanze Musicali e alcune rielaborazioni orchestrali per le orchestre giovanili de La Verdi di Milano, Kids e Junior Orchestra).

Ha iniziato il progetto Pianisti all’Opera nel 2013, spinta dalla passione per la divulgazione e la condivisione di interessi comuni: trovando la qualità e la quantità di informazioni relative al mondo dei maestri collaboratori insoddisfacente, ha aperto una pagina facebook e successivamente un blog dedicati a radunare i professionisti interessati a conoscere meglio il mondo del teatro musicale.


Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

La Boheme: aspettando il Workshop (giugno 2019)

E’ iniziato tutto qualche mese fa. Quando mi è stato chiesto di tenere un Workshop a tema operistico dedicato a maestri collaboratori, cantanti e direttori d’orchestra, sono letteralmente andata in fibrillazione e il mio cervello ha iniziato a sparare fuochi d’artificio e coriandoli. Quante possibilità, quanti capolavori, quante idee possibili da mettere in pratica! Un mondo potenzialmente infinito mi si stendeva davanti, e presto ho dovuto ammettere il fatto che il primo, enorme problema da affrontare riguardava proprio questo: come riuscire a circoscrivere l’argomento e il target senza perdere la bellezza dell’idea? La parola “Boheme” mi è affiorata in mente quasi naturalmente, come se fosse lì ad aspettarmi da sempre: la storia eterna della gioventù scanzonata che sorride alla vita tra i tetti parigini nonostante le mille difficoltà è sempre stata nel mio cuore in modo istintivo fin dai miei primi passi nel mondo dell’opera.

Mi piaccion quelle cose che han sì dolce malia,
che parlano d’amor, di primavere…
Che parlano di sogni e di chimere,
Quelle cose che han nome poesia.

La Boheme, un microcosmo eterno

Puccini sapeva di aver creato un piccolo miracolo. La sua continua insistenza sui dettagli del libretto al punto da esasperare Giacosa e Illica (“Ho sprecato più carta per poche scene di Boheme che per nessuno dei miei lavori drammatici!” commentava Giacosa), costretti a scrivere e riscrivere intere scene e a vedere cestinate senza riguardo ampie sezioni del lavoro, mostrano come il compositore avesse già ben chiaro in mente il mondo di Mimì e Rodolfo in tutte le sue sfaccettature, dall’angusta soffitta al chiassoso Quartiere Latino della vigilia di Natale.
Sebbene brani come “Che gelida manina” e “Donde lieta” indichino chiaramente chi siano i grandi protagonisti dell’opera, ascoltando la Bohéme proviamo inevitabilmente una sensazione di familiarità un po’ con tutti i personaggi e gli ambienti in cui si svolge la vicenda.
Ci immedesimiamo a turno in Marcello o Rodolfo, Mimì o Musetta; tutti noi abbiamo un amico chiassoso e spaccone come Schaunard, sicuramente in ogni compagnia di amici ci sono un brontolone misogino o un inguaribile romantico e con ogni probabilità abbiamo almeno almeno una volta nella nostra vita pensato di farla franca col padrone di casa inventandoci qualche scusa per non pagare l’affitto.
La Boheme siamo noi. L’ha vissuta Puccini stesso nei suoi anni giovanili e l’ha riversata nella sua musica, l’abbiamo vissuta noi stessi partendo per un Erasmus o affrontando con incertezza e incoscienza i nostri primi viaggi di lavoro, la vivranno i nostri figli qualunque strada prenderanno nella vita.
La Boheme non è soltanto una storia.
E’ una stagione della vita, un lampo di giovinezza, una parte importante della nostra memoria. Una parte che amiamo, talvolta visceralmente e inconsapevolmente, proprio perché volenti o nolenti sappiamo che ha una fine: Puccini ci sbatte in faccia con crudezza la fine più crudele, la morte silenziosa di Mimì che fin dal primo colpo di tosse si presagisce ma non si vuole ammettere.

Ho tante cose che ti voglio dire, o una sola ma grande come il mare.
Come il mare profonda ed infinita: sei il mio amore
e tutta la mia vita.

Workshop operistico a Trezzo sull’Adda

Sarà un weekend alla scoperta dell’opera per chi non la conosce e un approfondimento a 360 gradi su partitura, libretto e interpretazione per chi vuole sviscerarla più a fondo. Il corso si terrà a Trezzo sull’Adda dal 14 al 16 giugno accanto ad altri workshop (jazz, coro e violino) e si rivolge a maestri collaboratori, direttori e cantanti. Le lezioni mattutine saranno principalmente rivolte allo studio dello spartito e della partitura per pianisti e direttori, a cui si affiancheranno i cantanti nel pomeriggio. Non mancheranno momenti aperti al pubblico, tra cui si segnalano la conversazione musicale “Luoghi e affetti nella Boheme di Puccini” sabato 15 giugno alle ore 18 e il concerto dei migliori allievi del corso domenica 16 alle ore 21 presso la Sala degli specchi di Villa Crivelli.

Per chi volesse iscriversi al workshop o ricevere informazioni aggiuntive è possibile contattare il sito web del festival o inviare un’email a Pianisti all’Opera (pianistiallopera@gmail.com).

[Margherita Colombo]

MASTERCLASS PER MAESTRI COLLABORATORI

MASTERCLASS
PER MAESTRI COLLABORATORI

M° Margherita Colombo

II edizione

organizzata da VACANZE MUSICALI
San Felice del Benaco (BS)

26-30 ottobre 2018

 

 

 

La masterclass per Maestri collaboratori propone l’approfondimento della professione da un punto di vista pianistico e direttoriale: non occorre essere direttori d’orchestra per lavorare come maestri collaboratori, ma saper rivolgere una visione più ampia sulla partitura e imparare a conoscere la tecnica direttoriale costituiscono degli enormi vantaggi dal punto di vista musicale e professionale.

Il corso si articolerà in lezioni individuali e collettive: negli incontri individuali si approfondiranno le problematiche tecniche di esecuzione pianistica e riduzione al pianoforte delle partiture operistiche; gli incontri collettivi prevedono cenni di direzione d’orchestra di base ed esecuzione di alcuni brani scelti sotto direzione per affinare l’interpretazione del gesto e la cura del suono “orchestrale” al pianoforte, nonché il raffronto tra partiture e spartito canto-piano.

Il corso è principalmente rivolto a pianisti che intendono approfondire i diversi aspetti della professione del maestro collaboratore, ma è aperto anche ai direttori d’orchestra interessati al repertorio operistico.

PROGRAMMA

Il programma individuale è libero (un’opera intera o parti di essa da comunicare via mail a masterclass@vacanzemusicali.eu o pianistiallopera@gmail.com); i brani in programma per le lezioni collettive sono i seguenti (ogni allievo potrà presentarli tutti o in parte, a scelta):

  • DONIZETTI
    ELISIR D’AMORE: da “Caro Elisir sei mio” a fine atto (spartito Ricordi pag.95-147)
  • MOZART
    NOZZE DI FIGARO: Finale II (spartito Baerenreiter pag.199-308)
    NOZZE DI FIGARO: Recitativo “Hai già vinta la causa” (spartito Baerenreiter pag.325-327)
    NOZZE DI FIGARO: Recitativo “E Susanna non vien” (spartito Baerenreiter pag.366-368)
    ZAUBERFLÖTE: Recitativo “Die Weisheitslehre dieser Knaben” (spartito Baerenreiter pag.67-77)
  • VERDI
    RIGOLETTO: Recitativo “Pari siamo” e duetto (spartito Ricordi pag. 66-91)
    RIGOLETTO: Quartetto (spartito Ricordi pag.202-217)
    TROVATORE: “D’amor sull’ali rosee / Tu vedrai” (spartito Ricordi pag. 184-205)
  • PUCCINI
    BOHEME: Quadro 1 dall’ingresso di Schaunard (spartito Ricordi pag. 20-53)
    BOHEME: Quadro 2 tutto
    BOHEME: Quadro 3 da “E’ Musetta che ride” (spartito Ricordi pag. 205-222)

 

ISCRIZIONI

Le iscrizioni si effettuano online sulla pagina dell’associazione Vacanze Musicali (clicca qui per iscriverti) e dovranno pervenire entro il 22 ottobre complete di ricevuta del bonifico di 350 euro comprensivo della quota di iscrizione e partecipazione intestato a ASSOCIAZIONE VACANZE MUSICALI, Iban: IT59E0558432880000000001787.

Si prega di comunicare tempestivamente il programma prescelto all’indirizzo email masterclass@vacanzemusicali.eu.

SEDE DEL CORSO E INFORMAZIONI LOGISTICHE

San Felice del Benaco è una graziosa piccola cittadina collinare a pochi minuti dalle sponde del Lago di Garda. Ci sono numerose possibilità di alloggio in paese e nei dintorni (B&B, Hotel, residence…); sono disponibili le soluzioni alloggio e ristorazione in convenzione con il corso elencate di seguito.

Il corso si svolgerà al piano terra del B&B “La corte delle Muse” situato nel centro storico di San Felice del Benaco.

Sono a disposizione dei partecipanti 3 camere doppie con bagno e colazione al prezzo di 60 euro a notte (camera in condivisione con un altro allievo/a del corso – pertanto il prezzo a persona è di 30 euro a notte).
Per informazioni: http://www.cortedellemuse.com

Altre soluzioni convenzionate per il pernottamento:

Hotel San Filis (a pochi metri dalla sede del corso)
singola: 50 euro colazione inclusa
doppia: 60 euro colazione inclusa
mezza pensione: 98 euro per due persone in camera doppia

Al momento dell’arrivo verrete informati su convenzioni con ristoranti e bar per i pranzi e le cene.
Il pagamento dell’alloggio andrà effettuato direttamente presso la struttura prescelta.

CONTATTI

Informazioni generali sulla Masterclass e il pernottamento: masterclass@vacanzemusicali.eu
Tel. (0039)338 8523258 (pomeriggio)

Informazioni sul corso e sul programma:
margherita@vacanzemusicali.eu
pianistiallopera@gmail.com
Tel. (0039)388 6470966

Segui Margherita Colombo su Operabase
Segui Margherita Colombo su Facebook

Logo_pianistiOperaOK
Segui Pianisti all’opera su Facebook

MASTERCLASS PER MAESTRI COLLABORATORI

locandina 2018 (1)

MASTERCLASS PER MAESTRI COLLABORATORI

M° Margherita Colombo

Salso Master Class & Festival

9-16 luglio 2018
Salsomaggiore Terme

 

 

PROGRAMMA

La Masterclass per maestri collaboratori prevede l’approfondimento della professione del maestro collaboratore per l’opera lirica nelle sue variegate sfumature: studio ed analisi del repertorio, prassi esecutiva, riduzione al pianoforte degli spartiti d’opera accennando le parti vocali, oltre che elementi di concertazione e direzione d’orchestra, fondamentali per completare la figura professionale del maestro collaboratore.

Il corso è rivolto a tutti i pianisti che vogliano approfondire la professione del maestro collaboratore con particolare riferimento ai programmi d’audizione comunemente richiesti nei principali teatri europei e ai pianisti che abbiano interesse nell’affrontare lo studio di un’opera italiana dal punto di vista esecutivo e stilistico.Possibilità di collaborare con la classe di direzione d’orchestra.

 REPERTORIO
a) Brani per audizioni

  •  MOZART
    “Nozze di Figaro” – Finale II Atto (ed. Baerenreiter) e un recitativo a scelta tra “Hai già vinta la causa”, “E Susanna non vien” e “Giunse alfin il momento”
    “Die Zauberflöte” – Recitativo dal Finale I atto (“Die Weisheitslehre dieser Knaben”)
  •  STRAUSS
    “Elektra” – Mägdeszene (dall’inizio a 32)
    “Der Rosenkavalier” – Einleitung (dall’inizio a 27)
  • BIZET
    “Carmen” – Quintetto
  • PUCCINI
    “La Boheme” – Quadro I dall’ingresso di Schaunard (10-22) e Quadro II

 

REPERTORIO
b) Opere complete o parti di esse a scelta tra le seguenti:

  • Tosca
  • Boheme
  • Madama Butterfly
  • Traviata
  • Rigoletto
  • Trovatore
  • Elisir d’amore
  • Don Pasquale
  • Barbiere di Siviglia
  • La cambiale di matrimonio

 

Totale Corso: € 350,00

Costo: € 250,00 + € 100,00 (Tassa Iscrizione al corso)

ISCRIZIONE

Il modulo d’iscrizione (CONSULTABILE QUI) deve essere compilato in tutte le sue parti e accompagnato dall’invio alla mail segreteria@imusicidiparma.it della documentazione allegata in formato digitale.

Per informazioni

Carlo D’Alessandro Caprice
Telefono: +39 348 70 31 985
E-mail: direzioneartistica@imusicidiparma.it

Elisabetta Pe
E-mail: segreteria@imusicidiparma.it

TUTTE LE INFORMAZIONI SULLE MASTERCLASS SALSO SUMMER CLASS&FESTIVAL DISPONIBILI SUL SITO! Clicca qui.

37237305_2151242231782826_2096320464266723328_n

37656107_2157256597848056_1544257046054961152_n

37607293_2157494244490958_7820207758849867776_n

“Ma una direttrice d’orchestra si veste da uomo o da donna?”

Un annetto e mezzo fa ho scritto un articoletto dedicato alla mia professione nell’immaginario sociale per il blog “Le Donne Visibili”. Mi è appena ricapitato tra le mani e ve lo ripropongo per inaugurare la riapertura del blog di Pianisti all’Opera!

“Ma una direttrice d’orchestra si veste da uomo o da donna? E com’è essere donna nel tuo settore?”

Dunque eccomi qui! Donna visibile, invisibile, presente, lontana, tenace, dubbiosa, entusiasta, timorosa, altruista, egoista. Sono una donna. E faccio un lavoro bellissimo di cui vado fiera, la musicista: oltre ad essere un lavoro stupendo in sé, si tratta anche di un’attività che spesso suscita negli altri una grande curiosità, perché in effetti in Italia le professioni legate all’arte sono ancora considerate qualcosa di singolare ed eccentrico. Ma entrando nello specifico del mio lavoro, la curiosità si acuisce talvolta in maniera molto prevedibile.

Ma lasciatemelo ripetere, sono una donna.

Per la prima volta sento di poter esprimere questo concetto in relazione al mio lavoro in totale libertà, proprio perché invitata dalle Donne Visibili a farlo. Perché altrimenti, quando parlo del mio lavoro, la domanda a volte inespressa, a volte appena accennata, ma sempre presente come un macigno su tutte le altre è: “Ma com’è essere donna, in questo lavoro?”.

Sono una direttrice d’orchestra.

Non di quelle famose, no. Non ancora almeno. D’altronde, chi mai conosce una direttrice donna se non gli addetti ai lavori? Marin Alsop, Simone Young, Speranza Scappucci tanto per citare le prime tre che mi vengono in mente sono ormai considerate tra le più importanti e apprezzate direttrici d’orchestra del mondo, ma il pubblico medio le ignora e continua a pensare che guidare l’orchestra sia roba da maschi.

Anche voi che mi leggete, probabilmente starete storcendo il naso nel leggere “direttrice d’orchestra”. Ma non si dovrebbe dire “Direttore”? Come “Maestro”, al maschile? In effetti, la tradizione linguistica italiana impone ancora oggi il maschile in molte professioni di carattere manageriale, come se usare il femminile ne svilisse in qualche modo l’autorità. Beh, io non credo proprio che il sesso possa in alcun modo influenzare un mestiere, quindi mi piace declinare al femminile il lavoro che mi riguarda: sono del parere che nominare le cose le renda reali e quotidiane. Adesso mi viene un po’ da ridere perché il correttore automatico di Word mi sta chiedendo se voglio sempre sostituire “direttrice” con “direttore”. No, caro correttore (o correttrice), grazie.

dv1

E allora, parliamone.

Essere donna in una professione come questa porta inevitabilmente ad avere, almeno all’inizio, una buona dose di riflettori puntati addosso. Credo che sia normale: lo stesso capita – ad esempio – alle donne pilota (pilotesse?), manager, giudici, camioniste e così via.

Anni e anni di tv e cinema ci hanno abituati allo stereotipo della donna manager magra e bella (oppure bruttina ma solo se è nella squadra dei cattivi e perdenti), che indossa tacco 12 e tailleur, tratta male i sottoposti, super impegnata, sessista, stronza e single. Perché gli uomini se li mangia, oppure perché è un iceberg attratto solo dalla carriera.

Gli stessi film e serie tv ci ricordano che la camionista invece è nerboruta, tatuata e possibilmente lesbica.

La pilota va bene sempre, perché la donna in divisa è sexy a prescindere.

La giudice è generalmente una creatura asessuata, arcigna e con la parrucca.

Nei film le direttrici d’orchestra non sono ancora arrivate, ma se così fosse sono abbastanza sicura che sarebbero delle virago dal piglio militaresco, attraenti ma algide, passionali ma distanti.

Gli stereotipi ci accompagnano fin da piccole, qualunque sia la nostra personalità: abbiamo – o dovremmo avere – giochi da femmina, comportarci da femmina e pensare a un futuro da femmina; badate, questo non è un discorso femminista basato su generici slogan o modi di dire, ma qualcosa che vediamo ogni giorno, qualcosa che è diventato così normale che non lo vediamo nemmeno più: la nostra società è divisa – anche se a volte inconsciamente – in cose da uomo e cose da donna, che ci piaccia o no, per cui chi spezza questo equilibrio viene per lo meno notato.

Per fare questo lavoro la prima cosa da fare è infischiarsene ed essere consapevoli che anche alla direttrice d’orchestra più famosa del mondo verrà sempre chiesto “Com’è essere donna nel tuo lavoro?”, anche se la direttrice in questione ha appena diretto un concerto alla Scala, o inciso un magnifico cd, o riscoperto un’opera dimenticata.

La seconda domanda in genere è: “Ma quando dirigi ti vesti da uomo o da donna?”.

E va beh.

dv11

Il secondo problema da affrontare è il podio. Tutti, uomini e donne, provano lo stesso panico misto a imbarazzo la prima volta che salgono su un podio di fronte a un’intera orchestra, centinaia di occhi che ti fissano aspettando un tuo gesto. Da donna figlia della società del nostro tempo, a volte può subentrare anche un fastidiosissimo senso di inadeguatezza del tipo sono-troppo-bassa / troppo-grassa / troppo-magra / non-mi-sono-truccata /sono-troppo-truccata / dovevo-vestirmi-in-un-altro-modo, dovuto ad anni di bombardamento sul nostro aspetto fisico. Per fortuna non dura che un istante, perché non è certo il tuo aspetto che deve conquistare l’orchestra: ti senti osservata, perché guardarti è il lavoro dell’orchestra che ti sta di fronte, e se a qualcuno scappa l’occhio in maniera poco professionale non è un problema della direttrice.

Mi sono diplomata in direzione d’orchestra sette anni fa e nel frattempo ho lavorato come pianista nei teatri (Korrepetitorin in Germania, maestro collaboratore in Italia) e come direttrice d’orchestra, cercando di affermarmi sempre di più in questo campo man mano che la mia esperienza e consapevolezza crescevano, fino a diventare Kapellmeisterin in un piccolo ma vivace teatro tedesco.

Ho notato che in Italia c’è ancora una maggiore curiosità nei confronti di una direttrice, ma non credo per malafede: penso sia piuttosto un involontario retaggio machista che quasi tutti i maschi italiani si portano dietro – e che le donne, altrettanto involontariamente, incoraggiano. In Germania non ho mai avuto l’impressione di essere sbirciata di sottecchi o giudicata per il mio essere donna: forse il pragmatismo tedesco prevale, e purché il leader sia efficiente, a loro non importa di che sesso sia.

Ma c’è differenza tra direttori e direttrici?

Da un certo punto di vista sì. C’è differenza nell’approccio, nello studio, nella sensibilità, nel porsi di fronte alla massa orchestrale. E c’è una grande differenza, grandissima, sul piano fisico. Il lavoro del direttore è quanto di più atletico si possa trovare nel mondo musicale: la sua sola presenza in piedi di fronte a tutti mostra come la figura fisica sia importante nella percezione degli orchestrali (altrimenti staremmo comodamente seduti anche noi, no?). Ma ciò che all’orchestra arriva non è l’aspetto fisico, bensì l’energia che un direttore è in grado di sprigionare dal podio; e per quanto indubbiamente l’energia femminile e maschile siano profondamente differenti, alla fine ciò che crea il risultato è il modo in cui l’orchestra reagisce a tale energia.

Una differenza dunque non molto dissimile da quella che passa tra due diversi individui, indipendentemente dal sesso: di fronte all’orchestra è la personalità del direttore a parlare, non necessariamente la persona.

[Margherita Colombo]

gra304